Voltaia. A bocca aperta.

A bocca aperta. Così ci saluta quest’anno Piancastagnaio.

A bocca aperta sono i volti del video di Gabriele Forti, perché il Palio è così,ti lascia a bocca aperta sul momento perché ti travolge dalle emozioni e a bocca aperta ti fa rimanere anche dopo, passato del tempo perché quelle emozioni rimangono eterne, e rivederle, toccarle di nuovo te le fa sentire ancora, ora e per sempre. Per sempre lo dice anche il Priore, Valentina Menchini, dice così, il Palio è per sempre mentre guarda i giovani di Voltaia e racconta dei vecchi. Valentina, a rivedere le immagini aveva ora quello sguardo consapevole, emozionata ma tranquilla di chi sa come andrà. Il Palio è questo, e così, si sente dentro, si porta in volto disegnato, e non nasconde, non cela niente, nessun alibi, nessuna maschera, ti passa attraverso e si fa attraversare.

Chi lo ha attraversato è senza dubbio Alessandro Conti, con capacità visti i risultati, con scaltrezza e quel pizzico di incoscienza di puntare sul fantino che per anni ha vestito i colori della sua avversaria. Una scommessa ? Forse, difficile pensare  che un Capitano di lungo corso come lui abbia scommesso su Gingillo e di conseguenza sul Palio. Forse Alessandro Conti ha semplicemte scelto il più motivato, al di là delle qualità tecniche. Ed ha avuto ragione. Scorrono le immagini e viene spontaneo pensare come siamo fortunati a poter accompagnare e raccontare questo mondo, così forte, così vivo, a poter vivere da un angolo privilegiato così tanto, a conoscere e riconoscere volti, vedere crescere bambini, ritrovarsi sempre col sorriso. Ovunque, in ogni piazza, senza differenze. Piancastagnaio, palio di casa per noi del Verrocchio ci lascia sempre con dolcezza. Quest’anno ci ha regalato molto, grazie anche al lavoro del Magistrato, del suo Rettore Alessandro Bocchi e di tutta la sua squadra. Per me, rimane l’emozione di aver raccontato in diretta questa impresa, con parole forse scontate, ma che sono uscite dritte dal cuore, che emozione!

W Voltaia, W Piancastagnaio.

Eleonora Mainò

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *